Video animato Sport Welcomes Refugees

Project “Sport Welcomes Refugees” aims to improve participation of migrants and refugees in sporting activities, and to reach this final objective it produced a set of training materials and suggestions to act as tools to help sport clubs and organisations who want to implement work with refugees.

Among these instruments the SPIN network created an animated awareness video with useful tips and suggestions. The video is born from analysis of the results of focus groups research conducted in 8 partner countries on the challenges & difficulties that clubs have in their daily work with migrants and refugees.Thanks to using the services of themarketingheaven.com, the number of views on this video on YouTube has been significantly increased, which attracted the attention of new sponsors and partners happy to participate in this kind of humanitarian events.    

The protagonist of the video is a male-white-football coach, representing a kind of stereotype, called Ralph. Ralph wants to start to use sport to include people and tell other sports coaches of the obstacles he faced and solutions he adopted.

The video is divided into sort chapters, which makes it easier to use for awareness raising and as part of  training. 

Please follow and like us:

Forum sui Diritti Fondamentali e Forum su Sport e Rifugiati

Nei prossimi mesi, il progetto Sport Welcomes Refugees e la rete SPIN saranno presenti in due prestigiosi eventi internazionali.
Dal 25 al 27 settembre, a Vienna, parteciperanno al Forum sui Diritti Fondamentali.
Nella conferenza di tre giorni, il Forum accoglierà un crogiolo di idee. I partecipanti condivideranno le loro storie e discuteranno sulle nuove prospettive riguardanti le pressanti problematiche sui diritti umani, suggerendo delle strategie per occuparsene.
Il 26 settembre, durante il secondo giorno di conferenza, Des Thomlison rappresenterà lo Sport Inclusion Network e interverrà nel corso delle discussioni.
Il Forum su Sport e Rifugiati, si terrà a Losanna, in Svizzera, il prossimo 8 novembre e rappresenterà un’ulteriore occasione per raccontare l’esperienza del progetto SWR.
La conferenza accoglierà rappresentanti governativi, federazioni, squadre, ONG, agenzie ONU e tutti coloro impegnati ed effettivamente interessati a questa tematica.
Sport Inclusion Network (SPIN) è orgoglioso di essere partner dell’evento. Al Forum condivideremo esperienze e presenteremo le conclusioni preliminari del progetto ancora in corso Sport Welcomes Refugees.
Durante la Giornata Mondiale del Rifugiato, RESPONSIBALL lancerà un sito speciale (https://schwery.com/workshop/responsiball-forum/) per il Forum su Sport e Rifugiati.
Please follow and like us:

Il calcio aiuta i rifugiati

Come parte del programma del gruppo di studio UEFA, i rappresentanti di 21 associazioni si sono incontrati nella Repubblica d’Irlanda all’inizio di aprile per valutare come il calcio possa essere utilizzato per aiutare i migranti. L’incontro è stato ospitato dall’associazione affiliata alla UEFA e partner del progetto Sport Welcomes Refugees, FAI.

Il calcio può avvicinare le persone, favorire la comprensione reciproca e abbattere i pregiudizi. Un totale di 65 milioni di persone in tutto il mondo sono state cacciate dalle loro case – 9 su 1.000 persone in tutto il mondo. Mentre alcuni paesi sono più colpiti di altri, questa migrazione forzata ha innescato un dibattito globale che comprende questioni sociali, culturali, politiche e ambientali.

Essendo lo sport più popolare al mondo e profondamente radicato nel tessuto sociale, il calcio è stato colpito da questa crisi globale, ma ha anche il potenziale per contribuire ad alleviare questo problema. Molte delle federazioni affiliate alla UEFA hanno avuto un impatto diretto e hanno cercato di migliorare la situazione nei loro paesi. In tale contesto, i rappresentanti di varie associazioni nazionali hanno recentemente partecipato a un seminario sul programma di studi del gruppo UEFA intitolato Calcio e rifugiati con l’esplicita intenzione di apprendere gli uni dagli altri nonché da altri esperti e organizzazioni competenti e di affrontare il problema nella modalità la più efficace possibile.

Read more

Please follow and like us:

Festival del calcio femminile | “CALCIO ZAJEDNO”

Giocare a calcio insieme e abbattere i pregiudizi: dal 13 al 15 luglio 2018 squadre di ragazze provenienti da Bosnia-Erzegovina, Montenegro e Serbia si incontreranno a Vienna con squadre di calcio locali.

L’iniziativa “fairplay” organizzerà il “Girls Football Festival – Football Zajedno” che sarà più di un normale torneo. Le ragazze e le loro squadre saranno tre giorni a Vienna per sessioni di allenamento congiunte, visioni pubbliche delle partite della Coppa del Mondo FIFA 2018 in Russia, una collaborazione con i club locali e, naturalmente, il torneo.

Lo scambio interculturale sarà garantito da un programma educativo e culturale che include argomenti di sessismo, nazionalismo, rispetto, equità e responsabilizzazione delle ragazze. Il calcio non è solo un luogo per conoscere altri giocatori e squadre, nel calcio lo scambio interculturale di giovani e l’abbattimento di pregiudizi è facilmente realizzabile. È anche un luogo di empowerment di cui le ragazze e le giovani donne stanno prendendo possesso sempre di più. Il loro impegno sarà promosso con questo festival di calcio per squadre di ragazze a Vienna.

Nell’ambito del progetto “Football Zajedno”, il Girls Football Festival riunirà squadre di Bosnia-Erzegovina, Montenegro e Serbia con calciatrici e con l’ex-comunità jugoslava di Vienna. Il festival durerà tre giorni e comprenderà un torneo internazionale femminile di calcio e un programma interculturale.

“Football Zajedno – Promuovere l’uguaglianza e la non discriminazione attraverso il calcio” è un progetto congiunto coordinato dall’iniziativa fairplay con il Balkan Alpe Adria Project (BAAP) in collaborazione con le federazioni calcistiche di Bosnia-Erzegovina, Montenegro e Serbia. Calcio Zajedno è finanziato attraverso il programma UEFA HatTrick.
Please follow and like us:

Il contributo dei progetti Uisp ai Mondiali Antirazzisti

I progetti “Sport welcomes refugees” e “Welcome! Mondiali Antirazzisti in tour” sono stati protagonisti di momenti formativi e di confronto

Nel programma dei Mondiali Antirazzisti che si sono svolti a Castelfranco Emilia (Mo) dal 4 al 7 luglio, ha trovato posto anche il workshop di formazione nazionale del progetto europeo Sport Welcomes Refugees di cui Uisp è partner, insieme ad altre sette organizzazioni europee. In questa occasione, Loredana Barra, Uisp Sassari, ha animato una discussione sulla metodologia Uisp da applicare nelle attività proposte con migranti e rifugiati e con i più piccoli. Il gruppo di partecipanti, composto da membri dell’Uisp nazionale, diversi coordinatori Uisp del progetto Welcome – Mondiali Antirazzisti in Tour, ricercatori universitari e giornalisti, si è confrontato, grazie alle spiegazioni e ai giochi proposti dalla formatrice, sulla necessità di adottare durante la formazione una metodologia obliqua piuttosto che orizzontale. Affidare a tutti gli stessi obiettivi sportivi può, infatti, suscitare delusioni ed esperienze negative che vanno ad inficiare la disponibilità dei partecipanti nel mettersi in gioco. Al contrario, dando libertà di interpretazione, si permette a tutti di eseguire l’esercizio ottenendo un risultato complessivo molto più soddisfacente. Il workshop si è chiuso con uno stimolante scambio di idee sull’applicazione di questa metodologia agli eventi che i vari coordinatori presenti hanno in programma. In particolare un focus si è tenuto sulle attività che verranno proposte il 31 agosto, l’1 e il 2 settembre a Matera per l’evento “Mondiali Antirazzisti al Sud”, nell’ambito del progetto “Welcome! Mondiali Antirazzisti in tour”.

Read more

Please follow and like us: